079 974635

info@protesiacustiche.com

Acufeni

Acufene: fischi e ronzii, un fenomeno avvertito da circa il 17% della popolazione mondiale!

I sofferenti di acufene hanno bisogno, prima di tutto, di un’approfondita valutazione medica ed audiologica. Molti pazienti affetti da acufeni lo considerano un sintomo grave; infatti, molte persone pensano che un acufene sia il campanello di allarme di una grave patologia nascosta. Altri sono convinti che l’acufene significhi un danno permanente all’orecchio oppure una limitazione temporanea della capacità uditiva.Altri ancora associano l’acufene a tumori cerebrali, problemi vascolari o malattie mentali.
Queste preoccupazioni sono spesso infondate. In secondo luogo, devono avere una chiara e realistica informazione sulle loro condizioni. E’ solo allora che può essere stabilito il programma di trattamento.Durante il trattamento, avranno necessità del supporto di un team di riabilitazione qualificato.

Acufeni: cosa sono?
Acufene (in inglese tinnitus) è un termine medico riferibile a tutti i tipi di ronzii dell’orecchio o della testa che non sono dovuti ad onde sonore provenienti da una fonte esterna. E’ un problema molto comune, secondo vari studi esso colpisce il 10-17 % della popolazione. Solo certi tipi di “tinnitus” possono essere uditi dall’esaminatore esterno. Questi suoni somatici (suoni del corpo chiamati acufeni oggettivi) devono essere distinti dall’acufene soggettivo, che rappresenta la maggioranza degli acufeni e non può essere percepito dall’esaminatore. Il tinnitus è un disordine funzionale piuttosto che una vera e propria malattia, sebbene possa essere abbastanza invalidante. Ha origine in qualche punto della via uditiva, che parte dall’orecchio fino ai centri dell’udito del cervello. Nonostante venga considerato un disturbo benigno da un punto di vista medico, può causare una grande quantità di angoscia.

Il significato di acufene.
Nel 1953 Heller e Bergman realizzarono un semplice e classico esperimento. Misero 80 persone (studenti universitari normoacusici) singolarmente in una camera completamente isolata acusticamente per cinque minuti ciascuno, chiedendo loro rilevare qualunque suono potesse essere udito. I pazienti pensarono di essere sottoposti ad un test dell’udito, cioè che fossero loro inviati suoni di diversa intensità e frequenza, ma in realtà sperimentarono cinque minuti di totale silenzio. Il 93% di loro riferirono di aver udito ronzii, fischi e suoni tipo pulsazioni, sensazioni sonore simili a quelle che riferiscono le persone con problemi di acufene. Questo semplice esperimento permette a quasi ognuno di noi di rilevare come un suono, l’attività elettrica che è costantemente presente in ogni cellula nervosa delle vie acustiche. Anche se alcune zone del sistema uditivo sono più attive di altre, ogni singolo neurone delle vie acustiche, può contribuire, in un certo senso, alla percezione finale dell’acufene.

Per saperne di più, visita il nostro sito ACUFENE SARDEGNA

Contatta il Centro acustico per un appuntamento al numero verde

© 2016 Centro Acustico di A. Catogno & Co. S.a.s.
Via Vittorio Emanuele, 33 07041 Alghero (SS) Tel./Fax. 079 974635 - Cell. 349 2985624 P.IVA IT02002080907
Iscritto all'albo fornitori ASL e INAIL per convenzioni mutualistiche